• Sab. Set 24th, 2022

Covid News: Omicron 4 e 5 Minacciano L’Autunno!

Da qualche settimana le restrizioni relative alla pandemia sono state allentate. In alcuni posti è possibile non indossare le mascherine al chiuso e molti divieti sono stati eliminati. A quanto pare però, è necessario monitorare alcune varianti di Omicron fra cui la BA.4 e la BA.5. Se non si agirà con prudenza, infatti, in autunno potrebbe verificarsi una nuova situazione di emergenza. Ecco che cosa ne pensano gli esperti.

 

Sottovarianti Omicron: “Se si abbassa la guardia si corre un pericolo reale”

Secondo Guido Rasi e l’Agenzia Europea del Farmaco, meglio nota come Ema, il pericolo legato alla diffusione delle sottovarianti Omicron è dietro l’angolo.

È stato dimostrato che Omicron 4 e 5 sono molto aggressive, in quanto derivano da un’ulteriore mutazione del virus. Il loro tasso di contagiosità è molto elevato e nei prossimi giorni potremmo assistere ad un boom di contagi.

Tutto questo andrebbe a gravare enormemente sull’autunno, poiché abbassare la guardia adesso potrebbe favorire la diffusione del virus con il calo delle temperature. In alcuni paesi del mondo queste varianti sono già note e comportano dei sintomi diversi da quelli della Omicron.

Sembrerebbe infatti che il virus in questione causi un enorme stato di spossatezza, mentre la tosse non deve manifestarsi necessariamente. Tutto questo non esclude la possibilità di un peggioramento clinico in grado di causare bronchiti e polmoniti.

Qual è il pensiero degli studiosi sulle nuove varianti di Omicron?

Gli esperti del settore si sono espressi in merito all’ipotesi di una nuova forma di contagio. Questi hanno dichiarato che le persone non vaccinate hanno più possibilità di sviluppare deficienze respiratorie. Allo stesso tempo però, la pericolosità del virus sarebbe molto meno invasiva rispetto a tutte le altre varianti note.

I soggetti vaccinati infatti, non dovrebbero contrarre il virus in maniera grave e questo andrebbe ad influire positivamente sulla pressione ospedaliera.

Ovviamente non è possibile fare dei pronostici che vadano bene per tutti, in quanto alcuni vaccinati potrebbero sviluppare una malattia molto grave come già successo in passato.

Qual è la soluzione proposta da Guido Rasi?

Anche se al momento non esiste alcun tipo di allarme, la situazione potrebbe peggiorare con il passare dei giorni. Ecco perché Guido Rasi sta cercando di agire in maniera preventiva, in modo da monitorare il sistema ed evitare il peggio.

Secondo il suo pensiero bisognerebbe resettare ogni tipo di sistema relativo alla sorveglianza e al sequenziamento del virus, in modo da valutare la contagiosità e la diffusione di queste nuove varianti.

L’uomo ha poi aggiunto che purtroppo la gente sta prendendo sottogamba quello che potrebbe accadere e che tutto questo porterà dei gravi danni in autunno.

Sicuramente il periodo estivo sarà meno drammatico di quello invernale, poiché in estate l’incidenza del virus è destinata a calare. Allo stesso tempo é doveroso mobilitarsi al fine di evitare altre varianti o i na nuova epidemia.

Esistono dei vaccini in grado di debellare le nuove varianti di Covid-19?

Molte persone si sono chieste se i vaccini effettuati nei mesi precedenti riescano a tutelare l’individuo anche dalle nuove varianti di Omicron. 
Secondo il parere degli esperti è ancora presto per dichiararlo, ma sembrerebbe che le nuove componenti Omicron 4 e 5 siano in grado di evadere la risposta immunitaria messa in atto dalle cellule.

A questo proposito sono partiti degli studi volti a somministrare dei test per capire in quale modo aggiornare i vaccini. Forse, modificando il siero iniziale, si potrebbe avere una copertura da altre varianti di Omicron.

Al momento la quarta dose di vaccino é consigliata ai soggetti fragili e a chi ha più di settant’anni, poiché i rischi legati alla malattia sono molto più pericolosi.

Omicron 4 e 5 rischiano di metterci di nuovo in ginocchio o si tratta di una mutazione destinata a risolversi nel tempo? A voi i commenti!