• Sab. Lug 20th, 2024

Beppe Grillo Attacca Conte: Pesanti Frecciatine All’Ex Premier!

Beppe Grillo, durante una recente intervista, ha fatto delle dichiarazioni pesanti contro l’attuale leader del Movimento 5 Stelle. Ecco che cosa ha detto!

 

Beppe Grillo, fondatore del Movimento 5 Stelle, ha recentemente rilasciato un’intervista sul suo blog, nella quale si auto-intervista e attacca Giuseppe Conte, attuale leader politico del M5S. Grillo critica la vecchia distinzione tra destra e sinistra, paragonandola alla storica rivalità tra guelfi e ghibellini, e invita a tornare a idee visionarie e radicali.

Grillo sostiene che il Movimento deve smarcarsi da una collocazione politica ormai superata da decenni e annuncia il suo ritorno attivo nel Movimento, con l’intenzione di riprendere gli incontri con Conte, così come avveniva con Casaleggio. “Riprenderò gli incontri con Conte, come con Casaleggio”, dichiara, sottolineando l’importanza di tracciare la rotta per i prossimi anni con chiunque voglia collaborare.

Nell’intervista, Grillo scherza sul rapporto con Conte, descrivendolo come una persona imperturbabile. Sebbene concordi con le dichiarazioni di Conte riguardo alla guerra, alla povertà e alle malattie, Grillo propone di aggiungere nuove idee come il voto dei cittadini europei nei Paesi di residenza, l’inclusione dei costi sociali nei prezzi dei prodotti e piattaforme di democrazia diretta e cittadinanza attiva.

La notizia principale dell’intervista è il ritorno di Grillo alla guida del Movimento, con l’obiettivo di rafforzare temi chiave come la transizione ecologica e digitale, la democrazia diretta e una politica al servizio dei cittadini. Grillo sottolinea l’importanza di un maggior controllo dei cittadini sui dati personali e riforme istituzionali per garantire stabilità e autonomia dei territori.

Un punto centrale dell’intervista è la critica di Grillo alla dicotomia destra-sinistra. “Parlare di sinistra e destra è come parlare di ghibellini e guelfi”, afferma Grillo, invitando a concentrarsi su idee più moderne e visionarie. Inoltre, Grillo difende la regola dei due mandati, definendola un principio fondativo del Movimento e un presidio di democrazia. Propone addirittura che diventi una legge costituzionale, come avvenne negli Stati Uniti dopo la presidenza di Roosevelt.

Grillo si prepara a partecipare all’assemblea costituente annunciata da Conte, con l’obiettivo di recuperare il contatto e il dialogo con gli attivisti, il vero motore del Movimento. “Non possiamo discutere solo di regole interne, ma dobbiamo tornare a proporre idee radicali e visionarie”, conclude Grillo.

Cosa ne pensate? A voi i commenti!