• Sab. Ott 1st, 2022

Putin in Ginocchio: Il Pronostico Economico!

Da quando è scoppiato il conflitto fra Russia e Ucraina, il Governo di Putin è stato bersagliato dalle sanzioni. Questi provvedimenti hanno gravemente influito sulla sua economia!

 

La Russia cede sotto il peso delle sanzioni

A febbraio è scoppiata la guerra tra Russia e Ucraina e da allora diversi Paesi hanno deciso di punire la patria di Putin,l inviando sanzioni molto pesanti che, in qualche modo, hanno devastato l’economia del Paese.

Nonostante questa punizione, la Russia ha sempre cercato di mostrarsi impassibile e, ancora oggi, tende a negare la crisi che, invece, l’ha completamente sradicata. Per alcuni politici, tutte le punizioni inflitte alla Russia non sarebbero riuscite nel loro intento, anche se alcune analisi hanno constatato che la supremazia economica del Paese verrà ripristinata solamente dal 2030 in poi.

Questo risultato è stato evidenziato da alcuni rapporti che hanno decretato come l’economia della Russia sia gravemente provata dalla guerra. Come se tutto questo non bastasse, anche i mesi a venire saranno molto duri per il Paese di Putin, in quanto dopo la crisi arriverà la regressione e si tratterà di un periodo molto lungo ed estremamente difficile da gestire.

La Russia è stata infatti isolata da moltissimi Paesi, i quali hanno deciso di interrompere ogni tipo di rapporto economico e sistema commerciale poiché completamente contrari alle decisioni prese da Vladimir Putin.

L’analisi relativa alla condizione economica della Russia

Diversi programmi si sono occupati di studiare la situazione economica della Russia che, a quanto pare, risulta essere gravemente toccata dalle sanzioni che hanno bloccato moltissimi affari economici.

Sotto questo punto di vista infatti, la Russia ha subito un blocco commerciale di non poco conto che, ovviamente, ha arrestato la crescita del Paese. Questa crisi è stata riscontrata anche in uno degli elementi fondamentali per la patria di Putin ovvero quello relativo all’importazione del gas.

La Russia ha infatti perso moltissimi acquirenti e questo ha comportato un brusco calo nelle entrate dello Stato, che ha dovuto cercare nuovi acquirenti non raggiungendo però i quantitativi di denaro di una volta. Ora Putin si ritrova a commercializzare la risorsa con Paesi come Cina e India, mentre una volta l’Europa era fra gli acquirenti privilegiati.

Ovviamente Putin è restio ad ammettere le difficoltà che il suo Paese sta vivendo e fa di tutto per non apparire debole agli occhi di tutte quelle Nazioni che hanno deciso di punire la sua terra senza mezze misure.

Non sappiamo molto su quali saranno le sorti della Russia, anche se gli esperti del settore hanno dimostrato che i prossimi mesi saranno molto difficili da gestire ed affrontare. Proprio per questo, si pensa che la Nazione di Putin tornerà a brillare non prima del 2030, poiché sono diversi gli aspetti sui quali si deve intervenire per ripristinare il successo

del Paese.

Eravate a conoscenza delle difficoltà economiche che la Russia sta vivendo in questo periodo? Pensate che il Paese guidato da Putin riesca a ribaltare la situazione e a riprendere il controllo sulla propria economia? A voi i commenti!