• Gio. Ott 6th, 2022

Long Covid, La Drammatica Scoperta: Uno Su Tre Ne Soffre!

Emergono spiacevoli novità in merito al Long Covid. Sintomi come uno stato depressivo e il respiro corto, che hanno avvertito ben 4 milioni d’italiani! Ma grazie al vaccino, gli effetti risulterebbero attutiti. Ecco le ultime scoperte sul Long Covid!

Tra gli individui ricoverati, uno su tre presenta determinati sintomi anche dopo un anno. Difatti la pandemia lascia diverse consistenti problematiche, a coloro che sono guariti dal Covid. Tra queste troviamo: mal di pancia, aritmia, respiro corto oppure una condizione di stanchezza generale, depressione e perdita dell’olfatto. Inoltre si è potuto appurare quanto si siano incrementate le visite sia dal proprio medico che specialistiche. I disturbi maggiormente frequenti sono quelli concernenti i polmoni, i reni e il cuore.

Il Long Covid è un problema mondiale

In America il Presidente ha chiesto di riconoscere legalmente tale malattia. Questa sintomatologia è presente in forma minore in coloro che hanno avuto delle forme lievi. In Italia ci sarebbero ben 3-4 milioni di persone a soffrire di Long Covid. I vaccini diminuiscono i sintomi del Long Covid? Sembrerebbe attendibile come affermazione, ma non è stata ancora data una risposta sicura a riguardo.

Il vaccino permette di avere postumi più leggeri

La sensazione generale in caso di vaccino o di una forma meno grave della malattia, è quella di sintomi successivi più lievi. In base alle statistiche riguardanti alcuni pazienti dimessi dopo la prima ondata, si è constatato che il 50% presentava una piccola compromissione della respirazione.

La depressione si può curare?

In questi casi la depressione spesso è associata a difficoltà delle attività cognitive superiori. Pertanto si hanno anche problemi nella vita quotidiana, rallentamento e stanchezza. Ciò è causato dalla forte infiammazione provocata dall’infezione. C’è anche da dire che questo stato di depressione da Covid si può curare. D’altro canto, però, non si notano netti miglioramenti dalla prima ondata.

Il problema dell’olfatto perso e mai ritrovato

Anche in questo caso si tratta di un dilemma non trascurabile. Difatti tra gli individui colpiti, il 36% non ha recuperato l’olfatto a distanza di un anno. In ogni caso col trascorrere del tempo tale problema dovrebbe regredire.

Voi che ne pensate? Vi è capitato di accusare questi sintomi? A voi i commenti!