• Sab. Ott 1st, 2022

Stop Alla Guerra: Arriva La Nuova Bandiera Biancoblu!

Molti russi non concordano la posizione di Putin in merito all’invasione dell’Ucraina. È proprio per questo motivo che una nuova campagna si sta diffondendo lungo le strade del mondo. Stiamo parlando della bandiera biancoblu volta a contrastare la guerra.

Il coraggio di protestare contro la guerra

Purtroppo la libertà di opinione in Russia non è molto legittimata in questo momento. Allo scoppio della guerra, molti cittadini sono stati puniti per aver espresso un parere contrario a quello di Putin.

Nonostante questo, molti connazionali russi sono scesi in piazza per protestare contro la guerra e l’invasione in Ucraina. Tutto questo non accade solamente nelle piazze di Mosca, ma in tutto il mondo. Sono infatti davvero numerosi i cittadini che non condividono la posizione di Putin.

Per distinguersi dalla massa, queste persone hanno adottato una nuova bandiera priva della fascia rossa. Al posto di questa è stata posizionata una banda di colore bianco.

La bandiera biancoblu di Kai Katonina

La bandiera biancoblu nasce dalla mente di Kai Katonina, un uomo di 31 anni residente a Berlino. Lui è stato fra i primi ad opporsi alla guerra, presentandosi nelle piazze con un cartello che condannava il conflitto bellico.

Il suo intento è sempre stato quello di far capire al mondo che non tutti i russi vogliono la guerra e che hanno il diritto di manifestare la propria opinione.

Da qui è nata l’esigenza di creare un nuovo simbolo di aggregazione, che è stato individuato nella bandiera biancoblu. Altre persone hanno avuto la stessa idea, pensando di sradicare la bandiera russa che, per loro, non ha più alcuna valenza.

Si è quindi deciso di sostituire il rosso con il bianco, il colore che è stato spesso utilizzato come simbolo di protesta. Tutto questo è stato promosso dall’utente di Twitter, Fish Sounds, che ha dichiarato come questo nuovo simbolo possa unire più persone.

La bandiera biancoblu unisce sempre più persone in tutto il mondo

Dal giorno della sua invenzione, la bandiera biancoblu si è diffusa in tutto il mondo, trovando ampia condivisione sui social e nelle proteste.

Moltissimi russi hanno adottato questo simbolo come fonte di opinione personale, tra cui molti membri dell’opposizione e artisti russi. Forse la scelta di togliere il rosso è legato al richiamo di questo colore verso il sangue e la distruzione.

Il bianco era presente nella bandiera di Veliky Novgorod, un’antica città russa nota per essere una delle più democratiche al mondo. Numerosi tutti i collegamenti con i paesi che hanno adottato come regime di protesta il colore bianco.

La scelta di questa bandiera, quindi, ha unito molte persone che, in altri momenti, non avrebbero potuto esprimere la propria idea. Al momento questa bandiera non è utilizzata da nessun paese e quindi può essere facilmente promossa in ogni stato del mondo.

Per renderla ancora più speciale, si è deciso di donarle diverse sfumature di blu in quanto è proprio questo il colore in grado di donare pace all’individuo.

Questo nuovo simbolo è stato adottato per contrastare ogni tipo di conflitto bellico, non solo quello che riguarda Russia e Ucraina.

Sicuramente l’impatto sociale esercitato dalla bandiera sta crescendo sempre più. E voi siete favorevoli a questa iniziativa?