• Sab. Ott 1st, 2022

Covid e Giovani: È Allarme in Vista Della Quinta Ondata!

Covid Quinta Ondata: Diversi adolescenti mostrano preoccupanti sintomi clinici di depressione. I ragazzi necessitano quindi di un sostegno e di essere ascoltati. Il bonus psicologico potrebbe aiutarli?

A causa della pandemia, stati ansiosi e depressivi si sono ampiamente incrementati nei ragazzi. Le chiusure degli ambiti scolastici hanno contribuito certamente a diminuire la propagazione dei contagi da Covid-19. Ma hanno pure avuto un effetto totalmente negativo sugli alunni e sulla loro salute mentale.

Si tratta di un tema che dovrebbe essere considerato con urgenza, visto che coinvolge il mondo dei giovani. Nel momento in cui si trascura la salute a livello mentale, automaticamente può aumentare il pericolo di creare dei sintomi somatici. Oltre al rischio di decessi prematuri, quando i ragazzi passano nella fase adulta della loro vita.

La depressione che dilaga tra gli adolescenti

I giovani con diagnosi depressiva non sono assolutamente da sottovalutare. Ciò in quanto sono a rischio per quanto concerne lo sviluppo di sintomi a livello somatico. Pertanto potrebbero avere problematiche come disturbi metabolici o di autolesionismo. Ma potrebbero essere soggetti anche a tanti altri problemi seri come l’obesità, patologie autoimmuni e problemi gastrointestinali.

I disturbi riguardanti il sonno

I primi segnali che non bisogna prendere sotto gamba, sono sicuramente quelli collegati al sonno. Difatti attualmente a causa del Covid-19, ci sono molteplici ragazzi che non riescono a dormire bene. Oppure che non fanno un tipo di sonno ritemprante. Questo a causa della perdita di momenti rilevanti riguardanti la loro crescita e di confronto. Molto del loro tempo l’hanno dovuto trascorrere dinanzi agli schermi, che possono nascondere anche dei pericoli come lo stalking e gli atti di cyberbullismo.

Inoltre in molti si auto isolano, arrivando addirittura ad abbandonare le scuole. Tutto questo rappresenta una forte richiesta d’aiuto da parte dei giovani, i quali si sentono soli e necessitano di un valido supporto a livello psicologico. Prima che il loro disagio diventi sempre più grave, noi abbiamo il dovere di aiutarli e di tendergli la mano.

È giunto il momento di non stare più fermi!

Ormai dovrebbe essere chiaro che bisogna occuparsi attivamente ed efficientemente della salute mentale dei ragazzi. Questi ultimi sono palesemente provati per via della pandemia. Pertanto non ci si può voltare dall’altra parte, lasciandoli abbandonati a se stessi.

Le Istituzioni hanno cancellato l’opportunità di poter istituire un bonus, utile per il benessere psicologico degli italiani. Questo bonus certamente non avrebbe risolto il problema in questione, poiché c’è bisogno di un preciso percorso da seguire. Una presa in carico del benessere psicologico maggiormente strutturata. Ma in ogni caso avrebbe mostrato attenzione da parte delle Istituzioni.

È indispensabile invece prendersi cura concretamente dei giovani, senza più aspettare!

Voi che ne pensate? A voi i commenti!