• Mer. Nov 30th, 2022

Putin Non Si Arrende: Ecco I Suoi Prossimi Obiettivi!

Continua il braccio di ferro tra la Russia e l’Ucraina. Se quest’ultima sembrava riuscire a difendersi bene, ora tutto potrebbe cambiare in un attimo. Putin sta cambiando strategia ed è pronto a colpire le centrali dell’energia!

 

Nuova battaglia in Ucraina: cosa sta succedendo?

I russi hanno deciso di rispondere attivamente alla controffensiva militare mesa in atto dai militari ucraini. Proprio per questo motivo si stanno pensando di evacuare alcune città come Kherson, che sarà sicuramente la prima ad essere attaccata.

Sono più di 60.000 le persone che si stanno mobilitando per salvarsi la vita, anche se si teme l’arrivo di un nuovo attacco che potrebbe cogliere tutti di sorpresa.

Secondo Putin lo scontro che ne deriverà dovrà riguardare solamente i militari e non i civili, in quanto si vuole attuare una tattica speciale in grado di ribaltare la situazione in maniera drastica.

Sicuramente le cose non vanno meglio per quanto riguarda altri territori dell’Ucraina che, nell’ultimo periodo hanno avuto grandi difficoltà per quanto riguarda le riserve di acqua e di cibo, per non parlare della possibilità di beneficiare di risorse speciali come l’elettricità.

Guerra Russia-Ucraina: gli ultimi aggiornamenti

Negli ultimi giorni nuovi sviluppi hanno riguardato il conflitto bellico del secolo. Se in un primo momento la posizione ricoperta dai russi sembrava essere di svantaggio rispetto al nemico, le cose si sono rapidamente ribaltate.

Pare infatti che Putin abbia deciso di autorizzare una nuova ondata di attacchi missilistici che potrebbero schiantarsi contro le aziende impegnate nella produzione dell’energia elettrica.

Sempre secondo alcune fonti ufficiali, Putin vorrebbe addirittura introdurre la legge marziale in quei territori che ha deciso di annettere al territorio della Russia in seguito all’ultimo Referendum.

Per non parlare di quei sistemi di controllo oppressivo che il regime russo ha deciso di introdurre su queste zone. In Zaporizhazhia, Kherson, Lugansk e Donetsk sarà impossibile lasciare le città dopo la mezzanotte, mentre verranno evacuati moltissimi edifici di natura sociale e culturale.

Vladimir Putin ha poi parlato di censure che andranno ad abbattersi sulle forze militari e degli altri controlli che verrano fatti dalle varie linee telefoniche delle zone interessate dal nuovo provvedimento.

Non da ultimo si sta parlando di una nuova minaccia che potrebbe abbattersi contro l’Ucraina, ovvero un drone di ultima generazione che, grazie alle sue caratteristiche, può distruggere tutto quello con cui entra in contatto senza riportare il minimo danno.

Ovviamente in molti si stanno chiedendo come un’organizzazione come la NATO potrebbe reagire ad una situazione simile nel caso in cui uno di questi ordigni dovesse colpire un territorio alleato.
Purtroppo la domanda non ha ancora trovato una risposta, ma si spera che non si debba arrivare a questo punto per scoprirlo.

Qual è il vostro pensiero in merito a quanto sta accadendo tra Russia e Ucraina? Le due Nazioni riusciranno a porre fine a questo incredibile conflitto? A voi i commenti!