• Dom. Set 25th, 2022

In Arrivo Il Bonus Donna: Ecco Come Ottenerlo!

I bonus emanati nell’ultimo periodo sono davvero molti e, alcuni di loro, hanno riportato un ampio numero di richieste. Tra questi compare il nuovo Bonus donna, che permette di ricevere 400 € nel caso in cui si abiti in determinate Regioni italiane.

 

Nuovo Bonus donna: in arrivo 400 € per chi abita in queste Regioni

La pandemia non ha sicuramente aiutato il mondo del lavoro, poiché moltissime persone hanno perso il loro impiego. Proprio per questo motivo, lo Stato ha cercato di supportare al meglio i propri cittadini, offrendo delle risorse che, in qualche modo, andassero ad agevolare la vita di tutti giorni.

A quasi tre anni dall’avvento del Covid-19, queste riforme continuano ad esistere e, nell’ultimo periodo, sono stati molti gli interventi promossi dal Governo. Uno di questi è stato pensato appositamente per le donne, le quali potranno beneficiare di un importante incentivo nei prossimi mesi.

Il nuovo Bonus donna è rivolto a tutte quelle donne che hanno dei figli a carico o che hanno rinunciato al proprio lavoro per dedicarsi alla cura della prole. Proprio per questo motivo, in alcuni casi il bonus in questione è noto come Bonus latte poiché, in origine, aveva lo scopo di garantire l’acquisto delle sostanze nutritive per i neonati.

La sovvenzione economica verrà quindi concessa a tutte le mamme che non possono nutrire il proprio bambino con il latte materno e che, quindi, non possono far altro che acquistare il latte artificiale.

I requisiti per ottenere il Bonus donna

Questo nuovo aiuto offerto dallo Stato non si basa sulla presenza di un importo da accreditare sul conto corrente.
Il bonus viene descritto come credito a scalare, in quanto si tratta di una somma di denaro che potrà essere utilizzata solamente nei primi sei mesi di vita del bambino. Questo potrà essere spendibile solamente nei luoghi autorizzati, come farmacie e negozi convenzionati.

Per poter usufruire di questa riforma è necessario avere un reddito non superiore ai 30.000 € all’anno. I documenti e la richiesta dovranno essere presentati all’Asl locale, che provvederà ad effettuare i controlli del caso.

La mamma che intende avvalersi di questo diritto deve inoltre certificare il motivo per cui non può allattare suo figlio al seno.

Purtroppo, non tutte le Regioni italiane hanno detto sì a questa riforma, per cui sarà possibile beneficiarne solamente presso i Comuni che hanno confermato il bando di concorso. In questo caso infatti, non bisogna rivolgersi all’Inps, in quanto l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale non è contemplato nella concessione di questo importante servizio.

Sicuramente non poter allattare un bambino al seno comporta una grave perdita di denaro, in quanto il latte artificiale ha dei costi da non sottovalutare. Durante i primi mesi di vita inoltre, il neonato si nutre esclusivamente di questa sostanza, motivo per cui bisogna acquistarne in grandi quantità.

Eravate a conoscenza dell’esistenza di questo bonus riservato a tutte le donne che non riescono o non possono allattare il proprio figlio? A voi i commenti!