• Sab. Set 24th, 2022

Caso Yara Gambirasio: Vittorio Feltri Attacca la Giustizia!

Caso Yara Gambirasio: si torna a parlare di uno dei casi di omicidio più noti, perché il DNA non sarebbe più integro e consultabile. Vittorio Feltri si è espresso sulla questione attaccando la giustizia… Ecco gli ultimi sviluppi!

 

Il caso di Yara Gambirasio ha da sempre catturato l’attenzione di tutti gli italiani. Ad aver scosso particolarmente l’opinione pubblica è la giovane età della vittima ma è stata anche controversa la modalità con cui l’assassino è stato individuato e successivamente arrestato. Ora si torna a parlare proprio di questo argomento ed anche Vittorio Feltri è intervenuto, sostenendo di aver perso fiducia nella giustizia italiana.

Caso Yara Gambirasio: assenti le tracce di DNA sul corpo della vittima!

Si torna a parlare del caso di Yara Gambirasio per via di una polemica che sta riguardando proprio le indagini e la decisione di confermare la pena assegnata a Massimo Bossetti. I suoi avvocati difensori Claudio Salvagni e Paolo Camporini, infatti, hanno sporto denuncia alla procura. Le motivazioni, infatti, riguardano proprio l’integrità del DNA che è stato rinvenuto e che ha portato alla decisione di arrestare Bossetti ed incriminarlo come colpevole. Infatti, secondo i legali qualcuno potrebbe aver occultato in maniera deliberata le 54 provette che contenevano il DNA di Bossetti, aspetto che poi ha portato alla condanna all’ergastolo di quest’ultimo. Il materiale genetico fu ritrovato sulle mutandine e sui leggings della vittima. Inizialmente attribuite ad ‘Ignoto 1’, con l’avanzare delle indagini è stato individuato come responsabile proprio Massimo Bossetti. La difesa ha sempre lamentato di non aver avuto accesso diretto alle tracce di DNA e, secondo quanto è emerso nell’ultimo periodo, ciò sarebbe accaduto perché le tracce genetiche sarebbero inutilizzabili. Se così fosse, sarebbe stata compromessa per sempre la possibilità di svolgere ulteriori indagini e di ricollegare nuovamente le tracce del DNA a Bossetti. Se la difesa avesse ragione in questo, e se il DNA fosse ormai davvero inutilizzabile, in molti troverebbero sbagliato continuare a tenere in carcere Massimo Bossetti senza più a disposizione nessuna prova della sua colpevolezza e delle sue tracce sulla scena del crimine.

Caso Yara Gambirasio: Vittorio Feltri si schiera contro la giustizia italiana!

A fronte di queste ultime novità, Vittorio Feltri ha dedicato il video editoriale di Libero proprio al caso di Yara. Quest’ultimo ha espresso la sua opinione, dichiarando che la storia non è mai finita e che da quando il tutto è iniziato, la difesa ha sempre sostenuto che fosse necessario produrre delle prove schiaccianti e concrete. Secondo Feltri, ora è molto deludente il fatto che non sia possibile trovare più alcuna prova e che sia assente anche quella del DNA, che sarebbe la prova regina per un processo del genere. Vittorio Feltri ha dichiarato che, secondo il suo punto di vista, questo è un grande problema per il processo. Il fatto che Massimo Bossetti sia stata condannato all’ergastolo e che sia in carcere da svariati anni in assenza di prove, non giova alla reputazione della giustizia italiana. Il giornalista sostiene quindi che si stia commettendo un errore e ritiene che la figura della giustizia italiana non sia stata delle migliori. Feltri ha anche spiegato che non esistono altri indizi che possano sostenere la tesi accusatoria, tranne lo stesso DNA che non esiste più. Dal suo punto di vista, quindi, se va via la prova principale su cui si è retto tutto il processo, anche l’accusa cade e bisognerebbe ricominciare da capo la ricerca del colpevole. Vittorio Feltri ha anche ironizzato sostenendo che il DNA si sarebbe miracolosamente consumato. Il giornalista ha concluso sottolineando di aver sempre sostenuto l’innocenza di Bossetti, non perché abbia fiducia in lui ma perché ci vogliono prove concrete prima di condannare qualcuno. Voi che cosa ne pensate? Credete che Vittorio Feltri abbia ragione ed eravate al corrente di questi ulteriori sviluppi sul caso di Yara? A voi i commenti!