• Sab. Set 24th, 2022

Mosca, Arrestati I Giornalisti: Abolita la libertà di stampa!

La situazione a Mosca si fa sempre più dura, tanto che anche la libertà di stampa è venuta a mancare. Nelle ultime ore, infatti, quattro giovani giornalisti sono stati condannati ad un lavoro di correzione per i prossimi anni. Ecco che cosa sta succedendo in merito alla libertà di stampa e di opinione.

Mosca: Abolita la libertà di stampa

In seguito al conflitto bellico, le sorti della Russia sono cambiate e con loro la modalità di vita a cui tutti i cittadini erano abituati.

Una di queste novità riguarda la libertà di stampa, che negli ultimi giorni è stata bruscamente fermata dal Governo russo. Il Cremlino ha optato per la censura di diverse testate giornalistiche fra cui ad esempio il Moscow Time e il portale di Radio France Internationale.

Secondo il Governo russo infatti, i cittadini non devono leggere notizie infondate e, già da prima della guerra, la stampa è stata sottoposta a diverse censure.

Libertà di stampa negata: il pensiero di Mikhail Afanasyev

In merito a questo triste avvenimento, si è espresso il caporedattore di Novy Fokus Mikhail Afanasyev. Il giornalista è stato arrestato per aver rivelato la posizione di alcuni poliziotti russi che hanno rifiutato di partire alla volta dell’Ucraina.

L’uomo è stato condannato per aver dichiarato delle informazioni false che, a detta del Governo, andrebbero a sminuire le armate russe. Secondo la legge del Cremlino, il giornalista rischia fino a 10 anni di reclusione.

Ricordiamo inoltre che il Governo russo ha vietato l’utilizzo delle parole “guerra e invasione” in merito al conflitto in corso, che deve essere per l’appunto definito operazione militare speciale.

Afanasyev non è nuovo a questi provvedimenti in quanto in passato è già stato accusato dal Governo russo. Questo perché l’uomo si è sempre occupato di approfondire delle dinamiche piuttosto scomode, come la criminalità organizzata da parte dei funzionari del governo della Khakassia.

Il giornalista è stato inoltre accusato di diffamazione per aver criticato il Governo russo in merito a delle dichiarazioni su importanti avvenimenti interni alla nazione.

La situazione della Russia: che cosa ne sarà della libertà di stampa?

Purtroppo, sempre più giornalisti vengono condannati per aver espresso la propria idea. Tra questi troviamo anche Sergei Mikhailov, il famosissimo fondatore del giornale Listok.

Anche lui è stato sottoposto ad un regime di custodia cautelare per aver espresso un’opinione favorevole in merito alle sanzioni prese contro la Russia.

Il Governo ha quindi preso delle grandi decisioni in merito al sito web dell’uomo, oscurandolo, in quanto avrebbe condannato moltissime azioni di Vladimir Putin verso la nazione ucraina.

Al momento quindi, non si può sicuramente parlare di libertà di stampa in Russia poiché, per la maggior parte, questa è stata abolita e censurata.

Basti pensare all’episodio dei quattro studenti di giornalismo che, in seguito alla proclamazione delle loro idee, sono stati condannati a diversi anni di lavoro correttivo.
La decisione è stata presa da Mosca poiché il Governo russo ha ritenuto che i ragazzi avessero promosso la libertà di riunione. Questi avrebbero invitato i cittadini russi più giovani a reagire e ad esternare la propria opinione sul conflitto.

Secondo voi la libertà di stampa verrà ripristinata oppure i cittadini non potranno più esprimere la loro opinione in merito al conflitto?