• Sab. Set 24th, 2022

Negli ultimi giorni è stato affrontato il tema relativo alla termovalorizzazione dei rifiuti. Oggi invece, l’attenzione si è focalizzata su chi occupa in maniera illecita un’abitazione o una casa popolare, in quanto si vuole concedere il diritto di residenza anche a queste persone. Questa è la decisione di Roberto Gualtieri, il Sindaco di Roma, che ha suscitato diverse polemiche da parte di molte fazioni politiche. Ecco che cosa è successo.

 

Gualtieri concede il diritto di residenza gli abusivi: l’opinione del centrodestra

In merito a questa ipotetica concessione di Gualtieri, si sono scatenate le più diverse reazioni da parte dei partiti politici.

Secondo la maggior parte dei partiti di destra, questa riforma è l’ennesima opportunità che verrà offerta agli occupanti che, anziché essere puniti, verranno tutelati nella loro illegalità.

Si teme che oltre al diritto di proprietà venga autorizzata anche ogni tipo di azione illegale per quanto riguarda l’abusività degli edifici e la loro occupazione. Secondo Maurizio Gasparri è assurdo anche solamente pensare di concedere questo diritto agli abusivi.

Secondo il centrodestra infatti, Roma è ricca di questi individui e pensare che il Sindaco possa concedere loro la residenza e altri benefici, è veramente imbarazzante.

Decreto Renzi-Lupi: che cosa dice l’articolo 5 in merito al diritto di residenza?

Esiste una riforma, meglio nota come il Decreto Renzi-Lupi o il Piano Casa, che venne istituito nel 2014 tramite un accordo preso tra Matteo Renzi e Maurizio Lupi.

Questo si focalizza sulle politiche abitative al fine di tutelare quelle persone che, a causa delle loro condizioni economiche, non hanno un luogo in cui vivere ma non infrangono la legge.

La riforma si sofferma sulle difficoltà legate alla possibilità di ottenere un alloggio popolare. L’intento del Decreto è quello di punire chi arriva ad occupare abusivamente una casa, tanto da non avere la possibilità di ottenere la residenza. All’epoca questo Decreto vietava anche la possibilità di allacciare le utenze e per questo venne preso di mira da moltissime associazioni umanitarie.

Questo perché, a detta di molti, la legge del 2014 è completamente anticostituzionale e non fa altro che violare i diritti dell’uomo.
Le fazioni di destra hanno deciso di richiedere una deroga di questo articolo, al fine di bloccare tutte le iniziative proposte dal Sindaco di Roma.
L’unica eccezione che al momento sono disposte ad accettare è rivolta a quelle famiglie che occupano un’abitazione abusivamente, ma vedono nel loro nucleo minorenni o persone disabili.

Il Campidoglio presenta una mozione contro la proposta del Sindaco di Roma

La maggior parte dei consiglieri del Campidoglio hanno presentato una mozione con la quale hanno etichettato il Decreto Renzi-Lupi come un orrore disumano.

Non è ancora dato sapere quale sia il parere del primo cittadino di Roma, in quanto questo non ha ancora rilasciato alcuna dichiarazione in merito. Ovviamente le decisioni prese sembrano essere molto importanti, ed è per questo che, difficilmente, potranno essere modificate.

Secondo l’ideologia di sinistra invece, questa riforma potrebbe contribuire a mappare gli abusivi e a tenere sotto controllo il livello di delinquenza in città.

A quanto pare quindi, il diritto di residenza concesso agli abusivi sarà una realtà che tra pochi mesi potrebbe essere del tutto legittimata nella capitale d’Italia.

È giusto concedere il diritto di residenza agli abusivi o sarebbe meglio condannare questo comportamento del tutto illegale? A voi i commenti!