• Sab. Ott 1st, 2022

Arriva Il Super Raffreddore: Ecco Come si Distingue dal Covid!

Super raffreddore: dopo il focolaio in Australia, anche in Italia è arrivato questo virus, che porta dei sintomi gastrointestinali molto intensi. Bisogna quindi capire come distinguerlo dal Covid-19, ancora presente. Ecco tutto quello che serve sapere sul nuovo super raffreddore!

 

Dopo due anni dall’inizio della pandemia da Covid-19, la situazione è decisamente più tranquilla rispetto agli inizi. I ricoveri sono sotto controllo e l’emergenza si sta risolvendo, ma i contagi sono sempre presenti. In Italia è arrivato anche il super raffreddore, un’influenza molto intensa che si potrebbe scambiare con il Covid. Ecco quali sono le differenze a cui fare caso.

Super raffreddore: come riconoscerlo e le differenze rispetto al Covid!

Dopo un grande focolaio in Australia, il super raffreddore è arrivato anche in Italia. A dispetto del nome, che lascia suggerire possa esserci una sintomatologia respiratoria piuttosto intensa, si tratta di una gastroenterite virale. Secondo le informazioni disponibili fino a questo momento, sarebbe causato da Rotavirus e Notovirus. Con l’arrivo del super raffreddore in Italia, potrebbe essere difficile distinguere questa patologia dal Covid-19, che è ancora molto presente sul nostro territorio. Infatti, i contagi continuano ad esserci, nonostante non ci sia più una situazione emergenziale. Claudio Mastroianni, direttore di malattie infettive del policlinico Umberto I di Roma, ha rilasciato un’intervista al Messaggero in cui ha spiegato in che modo è possibile capire se si possa trattare di Covid o di super raffreddore. Il medico ha sottolineato che, al momento, la variante in circolazione al momento è soprattutto l’Omicron. Riconoscere ai primi sintomi le differenze può essere abbastanza complesso, visto che soprattutto la sottovariante Omicron 2 può causare dei sintomi gastrointestinali. Il dottor Mastroianni, però, ha precisato che nonostante questo non è difficile distinguere le due patologie. Innanzitutto, il Covid-19 colpisce indistintamente adulti, bambini e anziani, anche per quanto riguarda la variante Omicron 2. Invece, il super raffreddore, che appunto è un Rotavirus, colpisce prevalentemente i bambini sotto i cinque anni e a maggior ragione durante la stagione primaverile. Già questo potrebbe essere un buon modo per fare delle distinzioni e comprendere meglio di cosa possa trattarsi.

Super raffreddore: i consigli dell’infettivologo Claudio Mastroianni!

Il medico, nel corso dell’intervista, ha proseguito che, sebbene i sintomi possano essere sovrapponibili, è sempre possibile avanzare delle ipotesi anche concrete sulla possibilità che sia Covid o meno. L’infettivologo Mastroianni ha infatti spiegato che Omicron colpisce le vie respiratorie, e i disturbi intestinali possono essere presenti, ma in contemporanea ad altri sintomi. Per quanto riguarda il super raffreddore, invece, la sintomatologia respiratoria non è affatto presente ma ci sono soltanto sintomi gastrointestinali. Già da questo è possibile distinguere quasi con certezza il virus. L’esperto ha rivelato che, nel caso del super raffreddore, i sintomi vanno quasi sempre via nel giro di 48 ore, quindi è possibile attendere questo lasso di tempo prima di ipotizzare che si tratti di Covid e sottoporsi a tampone rapido o molecolare. Claudio Mastroianni ha però sottolineato che le cose cambiano se si convive con persone anziane o fragili. In quel caso, bisogna isolarsi completamente e, prima di pensare di non avere il Covid, è necessario sottoporsi ad un tampone. Si potrà riprendere ad avere contatti con i propri parenti soltanto se questo dovesse risultare positivo. Il direttore di malattie infettive dell’Umberto I ha anche voluto dichiarare, nell’intervista, che la cosa più importante è l’idratazione. Questo vale soprattutto per le persone più anziane o per i bambini. Bisogna evitare di rimanere disidratati ed assumere l’acqua. Se si ha un forte senso di vomito, è possibile prenderla a piccoli sorsi, anche attraverso l’uso di un cucchiaino. L’infettivologo, come sempre, suggerisce di mantenere alta l’attenzione anche dal punto di vista igienico, visto che sia il Covid sia il super raffreddore si possono contrarre attraverso le superfici contaminate. Voi che cosa ne pensate? Sapevate dell’arrivo del super raffreddore e siete preoccupati per questa ennesima novità? A voi i commenti!