• Sab. Ott 1st, 2022

Vladimir Putin: Sette Motivi Per Conquistare Il Donbass!

Da qualche giorno, il centro del conflitto bellico di Russia e Ucraina sembra essere diventato il Donbass. Ma per quale motivo Vladimir Putin vuole assolutamente conquistarlo? Ecco i sette motivi che non conoscete!

Donbass: una terra ricca di materie prime

L’area ucraina denominata Donbass comprende un territorio bagnato dal fiume Don, più precisamente dal bacino del Donets. In passato si è scoperto che questa zona geografica é ricca di molte materie prime, fra cui il carbone.
Questo è uno dei motivi per cui molte nazioni hanno tentato di invadere e conquistare l’area del Donbass. All’epoca della Seconda Guerra Mondiale, il luogo è stato occupato dai tedeschi mentre, nel 2014, sono sorti i primi problemi fra l’Ucraina e la Russia.

Ad abbondare però non è solamente il carbone, in quanto sembrano essere presenti grandissime quantità di uranio e molte altre materie prime.

Questo prodotto è molto importante, in quanto può essere utilizzato in diversi settori, tra cui quello nucleare e quello destinato alle armi militari. Il Donbass viene descritta come una delle aree minerarie più rifornite di tutta l’Europa, poiché in possesso di grandi quantità di gas e di petrolio nel sottosuolo.

Per non parlare poi della grande presenza di ferro grezzo, che ha da sempre sostenuto le industrie siderurgiche di Kiev.

La questione dell’oro bianco: grande presenza di litio nel Donbass

La Russia si é sempre dichiarata molto interessata all’acquisizione del Donbass. Questo non solo perché il territorio é  in una posizione strategica per quanto riguarda i traffici commerciali ed eventuali invasioni nemiche.

Uno dei motivi per cui Mosca brama ad ottenerne il controllo é sicuramente legato alla presenza di moltissime materie prime, fra cui il litio.

Questa risorsa, da molti definita come il nuovo oro bianco, è molto importante per quanto riguarda l’avvento dell’ecologia, ma anche per fornire i giusti strumenti al mondo dei trasporti.

Secondo quanto dichiarato dal New York Times sono stati effettuati degli studi per monitorare la presenza di litio nell’area del Donbass. Le analisi hanno rivelato che al momento sarebbero presenti più di 500.000 tonnellate di litio, un materiale utile per alimentare ogni tipo di veicolo elettrico.

L’Ucraina é quindi una delle Nazioni più ricche di litio in tutto il mondo, ed è per questo che in molti desiderano appropriarsi di questi beni di consumo.

La regione governata da Zelensky, quindi. è ricca di giacimenti di materie prime, motivo per cui la Commissione Europea aveva attuato un piano per collaborare con Kiev.

Nel 2021 é stata promossa una campagna in cui l’Ucraina si impegnava a vendere i diritti legati all’utilizzo di queste risorse per chiunque avesse voluto acquistarli.

Tra i possibili acquirenti gli australiani e i cinesi che, con le loro società, volevano incrementare lo sfruttamento di queste risorse. Forse è proprio questo uno dei motivi che hanno portato Putin ad invadere l’Ucraina.

Fino a poco tempo fa infatti, era proprio la Russia a sostentare il mercato cinese che ora, invece, si è dimostrato molto interessato alle materie prime ucraine.

Secondo voi Putin ha deciso di invadere l’Ucraina per questo motivo o si tratta solamente di una spiacevole coincidenza?