• Gio. Ott 6th, 2022

Politica Italiana: Tra Lotte Intestine e Finte Coesioni!

Ancora amarezza e delusione per gli italiani che con un governo vacillante, si trovano a dover affrontare una grossa crisi economica e spirituale. A chi devono credere ormai? A nuovi partiti politici che in due mesi dovranno traghettare il Belpaese con le parole, alla risalita?

 

Luglio 2022: cade il Governo italiano

A nulla sono serviti i buoni propositi, gli sforzi e le promesse degli ultimi tempi. Il Governo italiano non ha retto alle diverse tensioni a cui è stato sottoposto negli ultimi tempi.

A crollare insieme a lui, il premier Mario Draghi che, nonostante fosse supportato nelle varie scelte, ha deciso di presentare le sue dimissioni. Si tratta di una grande sconfitta per l’Italia che, reduce dalla pandemia e da un grave periodo di crisi economica, ora si ritrova in ginocchio.

Il 25 settembre è la data in cui sono state fissate le prossime elezioni politiche, ed è proprio in questo lasso di tempo che i vari partiti dovranno impegnarsi al fine di conquistare il loro pubblico di elettori.

Sicuramente la prospettiva non è delle migliori, in quanto le varie fazioni politiche sono piuttosto insicure e molti partiti si trovano in uno stato di vera e propria crisi.

Proprio per questo motivo, negli ultimi tempi abbiamo notato come alcune coalizioni politiche si siano sciolte e di come importanti programmi elettorali siano del tutto assenti all’interno della politica italiana.

I partiti politici preparano i programmi per le lezioni

Tra due mesi avremo la possibilità di esprimere la nostra preferenza in merito a coloro che potrebbero dirigere l’Italia nei prossimi anni.

Ovviamente votare è un atto di responsabilità, in quanto significa affidare nelle mani di qualcuno le sorti del proprio destino e del proprio Paese. Per cercare di conquistare gli elettori, i vari partiti politici stanno tentando di mettere in piedi una campagna elettorale che possa accattivare il consenso degli stessi.

Alcune fazioni politiche agiscono ben compattate e motivate, mentre altre sembrano essere sul punto di esplodere o di separarsi. Ad ogni modo è ancora incerto il settore sul quale verteranno le riforme, in quanto gli italiani hanno diverse domande e sarà proprio compito dei nuovi rappresentanti politici trovare una degna risposta alle stesse.

Sicuramente tutti si augurano che chi salirà al Governo diventerà un punto di riferimento per cittadini e famiglie, che non possono far altro che essere preoccupati dalla situazione attuale. Ovviamente esprimere una preferenza con così poco preavviso può comportare grandi difficoltà sia dal punto di vista degli elettori che da chi si candida.

È comunque è arrivato il momento di agire e cercare di cambiare la situazione, lasciando indietro tutti i problemi che si sono manifestati in Italia negli ultimi tempi.

Siete contenti di poter esprimere il vostro parere nel corso delle prossime elezioni politiche oppure pensate che sia poco il preavviso concesso agli italiani prima di esprimere una preferenza politica? A voi i commenti!