• Dom. Set 25th, 2022

Elezioni Politiche 2022: Il Destino Del Reddito Di Cittadinanza!

Gli italiani stanno vivendo un vero e proprio momento di crisi, dato anche per colpa della politica instabile. Ma il reddito di cittadinanza, verrà abolito definitivamente?

 

Elezioni politiche 2022: cosa può succedere al reddito di cittadinanza?

Per molti recarsi alle urne significa scegliere il destino del reddito di cittadinanza, una riforma concessa a chi perde il lavoro e non riesce a trovare una nuova occupazione.

Per molti politici questa agevolazione non è altro che è una scusa per incentivare la disoccupazione, motivo per cui diverse persone optano per abolirlo. A questo punto è davvero molto difficile capire come evolveranno le cose ma, secondo alcune supposizioni, il reddito di cittadinanza rischia di diventare un lontano ricordo.

Sicuramente questo strumento non verrà abolito nell’immediato, ma verranno attuate delle riforme che pian piano potrebbero eliminarlo.

Nel caso in cui al potere dovessero salire la Lega, Fratelli d’Italia e Italia viva, questi partiti andrebbero ad abolire il reddito di cittadinanza senza pensarci troppo. La situazione sarebbe completamente differente in caso di vittoria da parte del Movimento Cinque Stelle e del Partito Democratico .

Per quanto riguarda, invece, Forza Italia sono state fatte delle proposte volte a modificare il reddito di cittadinanza , anche se non si sa bene quali saranno le decisioni finali.

La possibilità di abolire il reddito di cittadinanza

Come anticipato prima, molti partiti credono che il reddito di cittadinanza sia una scusa per chi non vuole lavorare, in quanto non fa altro che incentivare il livello di disoccupazione in Italia.

Secondo Fratelli d’Italia è doveroso concedere un aiuto economico a quelle persone che non possono procurarsi un reddito, come ad esempio i disabili, i bambini e le persone di una certa età.

Ovviamente l’ipotesi di abolire il reddito da un giorno all’altro potrebbe comportare una grave crisi sociale, che andrebbe ad avere dei risvolti controproducenti per il partito eletto.

Completamente contrari a questa affermazione sono invece i membri del Movimento Cinque Stelle, che ritengono il reddito di cittadinanza una valida misura da difendere e conservare per il maggior tempo possibile. A sostenere questa convinzione sarà proprio il leader del partito Giuseppe Conte che, molto probabilmente, cercherà un’alleanza in chi la pensa come lui.

A oggi, appare ancora molto difficile delineare quello che sarà lo scenario politico dei prossimi mesi ma, sicuramente, sarà molto difficile osservare i membri del Movimento Cinque Stelle al Governo.

È altresì impossibile cercare di capire quali saranno le effettive sorti del reddito di cittadinanza fino a quando una determinata coalizione non si sarà imposta al Governo.

Per alcuni è necessaria una revisione di questo metodo, mentre per altri sarebbe indicato introdurre delle sanzioni per chi non si impegna nel trovare un mestiere. Sicuramente verranno effettuate delle modifiche che renderanno la concessione di questo beneficio sempre più difficili, proprio per evitare una crisi di tipo economica e sociale.

Secondo voi quali saranno le sorti del reddito di cittadinanza quando il nuovo Governo italiano verrà a formarsi? A voi i commenti!