• Sab. Ott 1st, 2022

Ristori e Bonus Turismo: Ecco Come Richiedere il Superbonus!

Sono disponibili le istruzioni per permettere alle imprese turistiche di beneficiare dei contributi a fondo perduto, crediti d’imposta e finanziamenti. La domanda potrà essere compilata e inviata online. Vediamo meglio di cosa si tratta…superb

Si aprirà alle 12.00 del 28 febbraio prossimo la piattaforma online sul sito di Invitalia sulla quale le imprese turistiche potranno richiedere il credito d’imposta e il contributo a fondo perduto per la riqualificazione delle strutture. A partire dal 21 febbraio, è accessibile la sezione informativa della piattaforma dalla quale scaricare il facsimile della domanda, la guida alla sua compilazione e la modulistica degli allegati. Le regole di accesso al Superbonus turismo sono contenute nell’avviso pubblico del 23 Dicembre 2021.

Lo ha fatto sapere il Ministero del Turismo con un avviso sul proprio sito. A partire dall’attivazione della procedura, le imprese avranno 30 giorni di tempo per presentare le istanze. Entro 60 giorni dopo tale scadenza, il Ministero del Turismo pubblicherà online l’elenco dei beneficiari. È sempre il Ministero a comunicare le date di avvio dell’operatività ed accessibilità della piattaforma informatica che permetterà l’inoltro delle istanze.

Gli incentivi saranno assegnati dopo la verifica dei requisiti di accesso all’agevolazione e in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande. Il contributo potrà essere utilizzato come credito di imposta fino all’80% delle spese ammissibili per gli interventi realizzati dal 7 novembre 2021 e fino al 31 dicembre 2024. È anche previsto un contributo a fondo perduto fino al 50% dei costi sostenuti per gli stessi interventi, con un tetto massimo pari a 40mila euro. Questi contributi, inoltre, potranno essere aumentati di 10 mila euro se gli interventi verranno effettuati in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Contributo a fondo perduto e credito d’imposta sono cumulabili a patto che l’importo totale non superi la spesa complessivamente ammissibile per gli interventi.

Altre integrazioni saranno ammesse se le spese saranno incentrate sull’innovazione delle strutture in chiave tecnologica ed energetica; oltre a ciò, altri 20 mila euro saranno integrati se le imprese sono gestite da giovani e da donne.

Ovviamente, sono diversi gli utenti che hanno posto delle domande, e il Ministero del Tursimo ha prontamente risposto a questi quesiti. Dai responsi si emerge che anche le attività di ristorazione potranno essere integrate nel Bonus, a patto che queste siano complementari e integrate alle attività ricettive. Questa posizione appare più restrittiva rispetto a quanto il Ministro, Massimo Garavaglia, aveva affermato a Novembre 2021 in audizione alla Camera.

Non finiscono qui i sostegni posti in essere dal governo per le strutture alberghiere, fortemente in crisi dopo la crescita dei contagi nella quarta ondata. Rientreranno, infatti, anche le spese in favore della digitalizzazione: in tal senso gli strumenti da acquistare rientranti nel bonus sono i router per la wi-fi, dispositivi per i pagamenti elettronici e di software, licenze e sistemi per la gestione e la sicurezza degli incassi online. Quindi, se si rientra in questi casi particolari, è bene compilare il form entro la data di scadenza per usufruire delle agevolazioni del Ministero.