• Mer. Nov 30th, 2022

Condomini Aumento Morosità: Cosa Si Rischia!

I cittadini italiani non fanno altro che lanciare appelli di aiuto circa l’aumento delle bollette del gas e della luce. Anche i condomini rischiano un aumento della morosità!

 

L’Italia in ginocchio: bollette di gas e luce sempre più care

Da un paio di mesi a questa parte, abbiamo potuto sperimentare sulla nostra pelle il rincaro che ha colpito ogni elemento della vita quotidiana. Gli alimenti essenziali hanno un costo spropositato, così come le bollette della luce, del gas e perfino il costo della benzina.

Purtroppo questi prezzi continuano a crescere ora dopo ora e, a quanto pare, non sarebbero gli unici a subire delle variazioni. Secondo le ultime comunicazioni ufficiali, tutti questi aumenti potrebbero avere delle gravi conseguenze anche sulle spese condominiali.

Come tutto, anche queste aumenteranno a dismisura non solo per chi paga in ritardo, ma anche per chi ha provveduto ad ogni tipo di pagamento nei tempi e nei modi previsti dalla Legge.

La richiesta di Francesco Burrelli a Giorgia Meloni

Per cercare di aiutare gli italiani e, soprattutto, gli abitanti dei condomini, il Presidente di Anaci, l’Associazione Nazionale degli Amministratori Condominiali e Immobiliari, ha deciso di rivolgere un appello a Giorgia Meloni.

Questo perché, secondo Francesco Burrelli, la situazione dei condomini è compromessa già da molto tempo e con questi aumenti rischia di peggiorare senza via d’uscita.

Sempre più condomini non riescono a pagare le spese che, annualmente, gli amministratori comunicano, in quanto lo stipendio è sempre lo stesso mentre tutto il resto aumenta a sproposito.

Burrelli ha poi parlato di come le spese condominiali siano aumentate già l’anno scorso. Già all’epoca si sono fin da subito fatte evidenti le difficoltà da parte degli abitanti che hanno scelto di vivere in condominio. Figurarsi ora che la bolletta elettrica ha subito un rincaro del quasi 60%, mentre il costo del gas è triplicato.

Ovviamente le prossime spese condominiali saranno molto più alte rispetto a quelle del passato e tutto questo comporterà una cattiva gestione dei pagamenti finali.

L’uomo ha quindi deciso di rivolgersi direttamente al nuovo Governo, chiedendo un divieto di distacco della corrente e del gas anche per tutte quelle famiglie che non riescono a pagare le bollette.

Questo perché, molto spesso, le aziende che si occupano di commercializzare questo bene tendono ad intervenire quando le utenze non vengono pagate entro la scadenza. Vista la situazione dei lavoratori e dei pensionati é quindi doveroso intervenire per tutelarli, in quanto non hanno i mezzi per portare a termine questi pagamenti.

Si richiedono poi delle ulteriori misure che permettano di controllare ciò che in futuro potrebbe fare la differenza. Parliamo di strumenti che possano regolare le temperature all’interno delle abitazioni e far sì che l’inquilino non vada ad infrangere la legge in vigore in questo momento.

Burrelli ha terminato il suo intervento dichiarando che, in caso contrario, si dimetterà dal suo ruolo e lascerà che siano le aziende di luce e gas a gestire i vari edifici.

Qual è il vostro pensiero in merito alla proposta di Francesco Burrelli a Giorgia Meloni? A voi i commenti!