• Gio. Dic 8th, 2022

Caso Elena Del Pozzo: Martina Patti Ecco Di Cosa Soffre!

Il triste caso di Elena Del Pozzo sembra non avere mai una fine. La madre Martina Patti ha confessato tutto ciò che è accaduto in quei tragici istanti. Alcuni psicologi hanno compreso di cosa soffre la donna!

 

Martina Patti è stata giudicata capace di intendere di volere

Dal momento in cui la verità è stata rivelata, sono state formulate diverse ipotesi per tentare di giustificare l’omicidio della piccola Elena.

Secondo le ricostruzioni della vicenda, Martina Patti avrebbe ucciso la figlia dopodiché l’avrebbe avvolta in sacchi neri e sepolta in una buca nei pressi della sua casa. L’esame autoptico effettuato sul cadavere della piccola ha rinvenuto la traccia di 11 coltellate, una delle quali ha reciso l’arteria succlavia causando la morte della bambina.

In molti hanno ipotizzato che Martina Patti abbia agito in seguito ad un raptus di pazzia, mentre per altri si è trattato di un reato a dir poco spietato. Le diverse perizie eseguite sulla donna hanno rivelato che Martina Patti era nel pieno delle sue facoltà mentali e fisiche quando ha deciso di uccidere la bambina.

La ricostruzione del delitto: ecco che cosa hanno rivelato le telecamere di sorveglianza

Diverse telecamere di sorveglianza affisse nei luoghi circostanti la scena del crimine, sono state fondamentali per ricostruire le dinamiche dell’intera vicenda.

Quel pomeriggio Martina Patti si era recata all’asilo per prelevare sua figlia e, successivamente, sono tornate a casa, dove hanno trascorso insieme circa 30 minuti.

Dopo le due sono uscite e si sono dirette verso il campo nel quale è stato rinvenuto il corpo di Elena. Le telecamere hanno però ripreso solamente la madre tornare dopo più di un’ora verso casa, poiché la piccola Elena era già stata uccisa.

Alcuni psicologi hanno tentato di giustificare il gesto della Patti con quella che in medicina e in psicologia viene definita Sindrome di Medea.

La malattia deve le sue origini all’antico mito di Medea, una donna sedotta e abbandonata, che ha deciso di vendicarsi del suo ex marito uccidendo i suoi figli.

La stessa spiegazione sembrerebbe utile per giustificare il gesto della Patti, che ha tentato di far pagare all’ex compagno le sue colpe uccidendo la figlia.

Secondo quanto espresso dalle forze dell’ordine, il movente che ha spinto Martina Patti a uccidere la figlia sarebbe imputabile alla gelosia. Questo perché il padre della bambina, Alessandro Del Pozzo, era riuscito a ricostruirsi una vita e a trovare una nuova compagna con cui iniziare un nuovo percorso.

Proprio con questa ragazza Elena stava stringendo un forte legame, che avrebbe spinto la madre a prendere precauzioni, in modo da evitare che la piccola si affezionasse troppo alla donna.
Secondo voi Martina Patti era davvero capace di intendere e di volere al momento dell’omicidio o sta nascondendo parte della verità? A voi i commenti!