• Gio. Ott 6th, 2022

Scoperta Sensazionale: Il Midollo Si Può Riattivare!

Grandi novità in campo medico scientifico. Una donna, allettata da diversi mesi per via di una malattia neurodegenerativa, ha subito un intervento che le ha permesso di tornare a camminare. Questa è la sua storia.

La donna che tornerà a camminare grazie all’intervento sul midollo

Un intervento medico effettuato su una donna  affetta da una grave forma di Parkinson, ha consentito una sensazionale scoperta.

Grazie alla riattivazione del midollo tramite degli elettrodi collocati sui nervi, la donna potrà tornare a camminare. L’intervento permetterà all’impulso elettrico di trasmettere il segnale al sistema nervoso, regolando la pressione sanguigna.

La donna in questione era allettata da più di 18 mesi ma, grazie a questo nuovo intervento, potrà tornare a camminare come prima. Nirina, questo è il nome della donna, è stata colpita da una grave forma di Parkinson.

Il Morbo le aveva intaccato la funzionalità del midollo spinale, ora riattivato con degli impulsi elettrici impiantati sui nervi. Un’importante scoperta che favorirà le condizioni di molti malati nel mondo.

Come si manifesta questa malattia?

La ricerca è stata portata a termine dall’Ospedale Universitario di Losanna e dalla scuola ad adesso correlata. Tutti i risultati sono stati poi pubblicati sul The New England Journal of Medicine.

Nirina è stata colpita da una grave forma di atrofia legata al morbo di Parkinson. Tra i sintomi principali tremore continuo, rigidità ed instabilità nei movimenti e senso di rallentamento generale.

In moltissimi casi il morbo di Parkinson porta alla morte dei neuroni, i quali non riescono più a svolgere le proprie funzioni. Ecco perché la pressione sanguigna subisce delle alterazioni che non permettono più al paziente di camminare o stare in piedi.

Con il tempo, la situazione non può che peggiorare e il paziente potrebbe trascorrere il resto della sua vita a letto.

L’impianto degli elettrodi: ecco come riattivare il midollo spinale

Questa soluzione era stata inizialmente proposta per guarire tutti gli individui paralizzati o tetraplegici dalla nascita. È stata quindi la prima volta in cui questo tipo di intervento è stato applicato ad un settore completamente diverso.

Alcuni elettrodi sono stati impiantati lungo i nervi del midollo spinale. Il loro compito è quello di controllare il dolore e, al tempo stesso, monitorare il livello della pressione sanguigna.

Tutto questo permette all’individuo la possibilità di stare in piedi tramite un telecomando che stimola gli elettrodi. Nirina è riuscita a rimettersi in piedi e a compiere qualche passo.
Con l’esercizio graduale la donna potrà tornare a camminare proprio come prima.

Gli studiosi stanno cercando di ottimizzare sempre più questo tipo di impianto, per renderlo disponibile ad un numero sempre più alto di pazienti.

Così facendo, tutte le persone colpite dal morbo di Parkinson potranno avere una seconda possibilità. Si sta cercando, inoltre, di applicare questa soluzione a tutti quei contesti ai quali potrebbe conferire notevoli benefici.

Grazie a questa scoperta medica la vita di molti pazienti potrebbe cambiare, compresi i soggetti tetraplegici costretti a letto da tutta la vita. Seppure il progetto sia ancora in fase di sperimentazione, le aspettative verso questo studio sono davvero alte.

Secondo voi la scienza e la medicina riusciranno in questo compito? Non ci resta che attendere ulteriori sviluppi.