• Dom. Set 25th, 2022

Conflitto Ucraina: Mario Draghi Incontra Putin!

Secondo diversi rumors, il Presidente del Consiglio Mario Draghi avrà la possibilità di conferire con Vladimir Putin nei prossimi giorni. L’uomo ha dichiarato che potrà dialogare personalmente con il Presidente russo, cercando di trovare soluzioni pacifiche al conflitto. Ecco su cosa verterà la discussione fra i due premier politici.

 

La guerra tra Russia e Ucraina è una realtà a cui nessuno di noi era preparato. Una guerra lancinante che ci ha colto impreparati e ha preso il sopravvento sul mondo dal giorno alla notte.

Finora tutti i tentativi di pace fra la Russia e le altre nazioni sono saltati, ma c’è chi non smette di sperare nella risoluzione del conflitto. Quale mossa metterà in atto il Premier Draghi per tentare una soluzione pacifica alla guerra?

Il conflitto bellico tra Ucraina e Russia

Nonostante lo scontro diretto fra le due fazioni sia iniziato nei primi mesi dell’anno 2022, le incomprensioni esistono da diversi anni. Nel lontano 2014 infatti, diversi soldati russi hanno proseguito nell’occupazione della Crimea.

Questo sarebbe solamente uno dei motivi che hanno portato alla generazione dello scontro fra Russia ed Ucraina. La regione della Crimea é infatti contesa da entrambe le potenze.

La Russia è inoltre completamente contraria all’adesione dell’Ucraina alla Nato. Questo perché, così facendo, gli Stati Uniti, si avvicinerebbe pericolosamente al territorio russo.

A febbraio quindi, Putin ha deciso di invadere la nazione colpendo Kiev e altre importanti città ucraine. I danni più importanti si sono verificati a Kiev, Odessa e a Leopoli. L’intera nazione ucraina è stata invasa e l’obiettivo di Putin sarebbe quello di scovare il presidente Zelensky.

La reazione della Nato al conflitto bellico

Fin dal primo momento, la Nato ha fatto capire il suo dissenso in merito all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Ecco perché moltissime inazioni appartenenti a questa società hanno deciso di infliggere pesanti sanzioni ai danni della Russia. Tutto questo però, non ha sortito l’effetto desiderato in quanto i rapporti con Putin si sono inaspriti ancora di più.

Questo ha infatti detto a tutte le altre potenze di non intromettersi nel conflitto, in quanto avrebbe preso seri provvedimenti in caso contrario. La minaccia più grande è quella di una guerra nucleare che comporterebbe gravi conseguenze su tutta l’Europa.

Ogni nazione sta facendo di tutto al fine di trovare accordi in grado di ripristinare la pace ma, attualmente, nessun compromesso è stato raggiunto.

Mario Draghi e l’incontro con Vladimir Putin

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha annunciato che nei prossimi giorni conferirà personalmente col Premier russo. L’uomo ha dichiarato che, come ogni nazione, ambisce alla pace e spera che tutte le ostilità possano cessare da un momento all’altro.

Tutti sperano che Putin possa cedere prima che l’Ucraina venga definitivamente distrutta. Purtroppo sono ancora vive nella memoria le immagini di quando l’Unione Sovietica invase l’ex Jugoslavia.
Non ci resta, dunque, che aspettare questo colloquio per scoprire se Putin sarà disposto a fare un passo indietro.

Purtroppo il Premier russo non accenna ad un ritiro delle armate e ciò non fa altro che aumentare il numero di vittime in entrambe le fazioni. A vostro parere sarà possibile ritrovare la pace o il conflitto è destinato a proseguire?