• Ven. Mar 1st, 2024

Augias Contro Salvini: Lo Definisce Rozzo E Inquietante!

Corrado Augias ha attaccato Matteo Salvini dopo il raduno Free Europe a Firenze definendolo rozzo e ignorante. Accuse ai leader europei di destra.

 

Augias contro Salvini: inquietante e rozzo

Domenica, durante il Free Europe a Firenze, l’organizzatore del raduno Matteo Salvini ha incontrato gli alleati della destra europea.

Nel corso dell’ultima puntata di Otto e Mezzo in onda su La7, Corrado Augias si è scagliato contro Salvini e i leader della destra europea. Ha definito il leader della Lega rozzo e l’incontro con la destra europea inquietante. Ha, addirittura, paventato la presenza di neonazisti.

Dichiarazioni decisamente choc, accuse senza peli sulla lingua.

La conduttrice del programma Lilli Gruber ha chiesto a Corrado Augias un parere sull’evento. Il giornalista e scrittore ha dato una risposta brutale. Ha definito il raduno inquietante: sul palco c’erano neo-nazisti. Si è chiesto fino a che punto può spingersi una destra-destra sovranista radunata da Salvini nel summit di Identità e Democrazia a Firenze.

Augias: allearsi con dei neo-nazisti è impensabile

A distanza di circa 80 anni dalla fine della guerra – ha continuato Augias – è assurdo pensare ad un’alleanza con dei neo-nazisti. Purtroppo, i tedeschi di Afd sono neo-nazisti secondo Augias.

Essendo Salvini politicamente rozzo ma con un piano ben preciso in testa, il giornalista si è chiesto quale sia questo piano. E’ importante capire quale sia, mentre si dichiara amico di Israele.

Secondo lui, Salvini è un politico grossolano che taglia dritto a costo di fare figuracce e contraddirsi. Con la sua politica di destra esasperata, Salvini intende impedire a Giorgia Meloni di passare verso una destra moderata di tipo europeo. Una destra come quella della Merkel o della Thatcher.

La Gruber, a questo punto, gli ha chiesto se davvero Giorgia Meloni vuole fare questo passo. Secondo Augias sì, a patto di correre il minimo rischio in termini di perdita di una parte dell’elettorato. Salvini è lì a suggerirle che, facendo quel passo, potrebbe perdere una parte consistente dell’elettorato. Una parte pronta a passare con lui.

Questa è stata la conclusione di Augias davanti alle telecamere di Otto e Mezzo.

Il debutto di Augias su La7: “La Torre di Babele”

Augias è stato ospite nel programma di Lilli Gruber dopo l’addio alla Rai e prima del suo esordio su La7.

Sulla rete di Urbano Cairo ha debuttato con La Torre di Babele, programma di approfondimento su un tema storico rapportato ai giorni nostri. In questo nuovo inizio, all’età di 88 anni, Augias ha ospitato nel primo appuntamento Alessandro Barbero, storico che ha fatto da spirito guida.

Che ne pensate delle intenzioni di Salvini? A voi i commenti!