• Ven. Mar 1st, 2024

Bonus Automobilisti: Ecco Quanto E Come Ottenerlo!

Un bonus cospicuo è stato introdotto dal Governo per le esigenze di tutti i giorni degli automobilisti. Ecco quanto e come ottenerlo!

 

Per incentivare la transizione verso la mobilità sostenibile, il governo ha introdotto un doppio bonus per l’installazione di colonnine di ricarica elettrica, destinato sia ai privati che alle aziende e ai professionisti. Questa misura, che offre un contributo fino a 8 mila euro, punta a facilitare l’adozione di veicoli elettrici attraverso il sostegno finanziario per l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di ricarica.

I privati possono beneficiare del bonus a partire dal 19 ottobre, con una finestra di richiesta che si chiude il 2 novembre. L’incentivo copre fino all’80% dei costi di installazione, con un fondo disponibile di 40 milioni di euro per l’anno in corso. Importante sottolineare che il bonus è retroattivo, coprendo i lavori effettuati tra il 4 ottobre e il 31 dicembre 2022, e sarà riproposto anche nel 2024 con un fondo annuale di 40 milioni di euro.

Anche i condomini possono richiedere il bonus per installazioni nelle parti comuni dell’edificio, rappresentando un’opportunità significativa per coloro che vivono in contesti abitativi condivisi. Questo contributo si aggiunge agli incentivi già previsti per l’acquisto di auto elettriche e plug-in.

Per le imprese e i professionisti, il bonus diventa disponibile il 26 ottobre, con la possibilità di inoltrare la domanda a partire dal 10 novembre fino al 30 dello stesso mese. Questa categoria può accedere a un contributo che copre il 40% delle spese ammissibili, grazie a una dotazione di 87,5 milioni di euro.

Il processo di richiesta per tutti i beneficiari prevede l’utilizzo di una piattaforma online, accessibile mediante SPID, CIE, o CNS. Il contributo copre una vasta gamma di spese, tra cui l’acquisto delle colonnine, i lavori elettrici e edili necessari, e le spese per la connessione alla rete elettrica. È importante notare che i pagamenti devono essere tracciabili e non è ammesso l’uso di contanti.

Questa iniziativa rientra in un programma più ampio di sostegno alla transizione ecologica del settore automobilistico, che prevede incentivi fino al 2030. Sebbene i fondi per alcuni tipi di veicoli si siano esauriti rapidamente, il governo ha manifestato l’intenzione di rivedere le modalità di assegnazione dell’Ecobonus per auto, per garantire un impatto più ampio e sostenibile.

Per maggiori informazioni e per presentare la domanda, i cittadini e le aziende possono consultare il sito del Ministero delle Imprese e del Made in Italy o contattare il numero verde di Invitalia dedicato. Questa misura rappresenta un passo importante verso una mobilità più sostenibile e un’opportunità per accelerare l’adozione di veicoli a basso impatto ambientale in Italia.

Cosa ne pensate? A voi i commenti!