• Dom. Set 25th, 2022

Vaiolo Delle Scimmie: Dati Estremamente Preoccupanti!

Ormai il vaiolo delle scimmie si è diffuso sul larga scala, motivo per cui bisogna attuare delle misure preventive al fine di ridurre i contagi. A tal proposito è intervenuto Matteo Bassetti il quale ha rilasciato una dichiarazione sconfortante!

 

Il vaiolo delle scimmie si diffonde in tutto il mondo: situazione incerta

Negli ultimi giorni abbiamo registrato un drastico aumento per quanto riguarda la diffusione dei casi relativi al virus del vaiolo delle scimmie.

Solamente in Italia si hanno quasi 2.000 nuovi casi e questo sta preoccupando la comunità scientifica la quale, in accordo con L’Oms, ha proclamato lo stato di emergenza sanitaria globale.

Il virus è stato individuato per la prima volta nel maggio del 2022 anche in territori che non avrebbero dovuto vedere la presenza di questo agente patogeno. Nel giro di poco tempo, il virus si è diffuso nella maggior parte dei Paesi del mondo, destando preoccupazione e sorpresa.

Medici e scienziati suggeriscono di avviare un intervento, onde evitare un drastico peggioramento della situazione.

L’opinione di Ilaria Capua

A quanto pare, questo nuovo virus potrebbe comportare l’avvento di un’altra pandemia, motivo per cui è bene agire prima che la situazione appaia irrisolvibile.

Ilaria Capua, che svolge la professione di virologa in Florida, è intervenuta sulla questione, suggerendo che al momento sono stati individuati 16.000 casi di virus del vaiolo delle scimmie in tutto il mondo. Ha poi aggiunto che si tratta di dati estremamente preoccupati, i quali devono essere tenuti sotto controllo onde evitare qualcosa di più preoccupante.

Nella maggior parte dei casi il virus si sta diffondendo con maggior frequenza in tutte quelle persone che hanno rapporti occasionali con più partner o comunque non protetti.

Anche se il virus viene associato alle scimmie, i suoi vettori principali sono dei piccoli roditori che vivono perlopiù nella zona dell’Africa meridionale. Questi avrebbero contagiato i comuni roditori europei, favorendo la comparsa della malattia anche in zone non sospette.

Il pensiero di Matteo Bassetti

Sull’argomento è intervenuto anche il famoso virologo Matteo Bassetti, il quale aveva già descritto come preoccupante l’andamento dei contagi di questo virus.

Attualmente i più colpiti risultano essere i maschi fra i 20 e i 40 anni, ma rimane comunque importante adottare una campagna vaccinale al fine di scongiurare il peggio.

Se non si prenderanno le dovute precauzioni la situazione potrebbe arrivare ad avere dei risvolti assurdi, proprio come già successo con il Covid-19.
Lo stesso Bassetti ha dichiarato che l’igiene pubblica ha fallito, non riuscendo a tenere a bada questo nuovo virus. In questo modo l’agente patogeno rischia di comportare una nuova pandemia, non lontana da quella dalla quale non siamo ancora pienamente usciti.

Siete preoccupati dall’avvento del virus del vaiolo? Pensate che, ancora una volta, ci ritroveremo a fronteggiare un’emergenza per la quale non siamo abbastanza preparati? A voi i commenti!