• Sab. Ott 1st, 2022

La Burla Dello Stato: Ridotte Pensioni E Buste Paga!

Gli italiani non saranno felici di apprendere che prossimamente lo Stato detrarrà dalla busta paga e dalle pensioni, una determinata somma. Quello che sta per accadere, sarà un’arma a doppio taglio!

 

Bonus da 200 €: semplice aiuto o strategia inequivocabile?

Come ben noto, il mese di luglio porterà con sé una sorpresa per moltissimi lavoratori e pensionati. L’Inps ha infatti deciso di elargire un bonus una tantum da 200 € al fine di fronteggiare il rincaro che i beni di prima necessità e il carburante hanno fatto emergere negli ultimi mesi.

Questa sorta di sovvenzione economica però, potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio, in quanto potrebbero presentarsi alcune conseguenze che nessuno aveva preso in considerazione fino a questo momento.

Come anticipato prima, lo Stato e l’Inps hanno deciso di erogare questa sorta di sovvenzione economica concedendo 200 € a tutti i lavoratori,l. Tutto questo ha il fine di fronteggiare la crisi degli ultimi tempi e gestire il rincaro del carburante e delle risorse alimentari.

L’inflazione ha raggiunto livelli a dir poco indescrivibili e tutto questo non potrà che peggiorare a causa dello scoppio della guerra fra Ucraina e Russia. Basti pensare all’aumento che la luce e il gas hanno riportato nelle ultime settimane e che, molto probabilmente, continuerà ad aumentare ancora.

Bonus da 200 €: un’arma a doppio taglio

Se da un lato la possibilità di ricevere 200 € ha rallegrato molti italiani, dall’altro tutto questo potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio, causando una beffa per moltissimi lavoratori.

Questo infatti, va a gravare su tutti coloro che hanno un contratto di lavoro determinato e che per ottenere il bonus dovranno presentare tutte le buste-paga ricevute nel passato. Stessa cosa per i neo pensionati, che non potranno ricevere il bonus in quanto non hanno nessun datore di lavoro che possa fornire loro la dichiarazione.

Quella che poteva sembrare una semplice sovvenzione in grado di tirare su il morale e rinvigorire le tasche degli italiani potrebbe, invece, causare grande delusione negli stessi.

Sicuramente la questione merita le dovute attenzioni e non è ancora chiaro come lo Stato tenterà di archiviare questi problemi facendo sì che ogni cittadino possa beneficiare di questo trattamento di favore.

La cifra di 200 € sicuramente non farà la differenza, ma si tratta di una cifra simbolica che lo Stato ha deciso di concedere a tutti coloro che presenteranno la giusta certificazione tramite il proprio datore di lavoro.

Ovviamente, ogni categoria dovrà valutare attentamente i rischi e i privilegi che tale misura richiede in quanto, come abbiamo visto poco fa, l’erogazione del bonus potrebbe avere dei pro ma anche dei contro.

Ricordiamo ancora una volta che l’assegno viene definito una tantum in quanto non verrà corrisposto al termine di ogni mensilità, ma solamente una volta, come se fosse un gesto di rappresentanza. Tutti potranno godere di questo particolare incentivo, poiché l’unico requisito necessario è quello di non usufruire di altri sussidi sociali, come ad esempio la Naspi oppure il temutissimo reddito di cittadinanza.

Avete già fatto la richiesta per quanto riguarda l’assegno una tantum da 200 €? Pensate che questa risorsa possa aiutare gli italiani o si tratta dell’ennesimo metodo per promuovere delle strategie pensate dallo Stato? A voi i commenti!