• Sab. Lug 20th, 2024

Evade Dal Carcere: Ma Quello Che Succede È Inaspettato!

Un uomo è riuscito ad evadere dal carcere attraverso un astuto trucchetto, ma quello che è successo dopo è totalmente inaspettato. Ecco che cosa è accaduto!

 

Un uomo di 36 anni è evaso dal carcere di Livorno, dove era detenuto nella sezione di massima sicurezza. Il detenuto, di nome Umberto Reazione e originario della provincia di Napoli, si trovava nel carcere di Livorno dal settembre 2023 in seguito a un trasferimento. Con l’aiuto di un complice esterno, Reazione è riuscito a scavalcare il muro di recinzione e a fuggire.

Le forze dell’ordine, tra cui Polizia penitenziaria, Carabinieri e Polizia di Stato, sono impegnate nelle ricerche per catturare l’evaso. I sindacati Uilpa Polizia penitenziaria e Spp hanno nuovamente sottolineato le gravi difficoltà in cui versano gli istituti penitenziari italiani. Aldo Di Giacomo, segretario generale Spp, ha dichiarato: “Da settimane lanciamo inascoltati l’allarme sulla gravissima situazione delle carceri. Solo pochi giorni fa, un detenuto non è rientrato nell’istituto di Chiavari al termine del lavoro. Le evasioni e i tentativi di fuga sono aumentati dallo scorso anno e senza una pronta risposta del personale, ci troveremmo con decine di persone fuggite dal carcere in giro”.

Anche il sindacato autonomo Osapp, attraverso il segretario Leo Beneduci, ha espresso preoccupazione: “Siamo sempre più convinti che l’amministrazione penitenziaria dal punto di vista della funzionalità e dell’organizzazione sia arrivata alla frutta. C’è necessità di un’inversione di marcia che finora non c’è stata. I vertici dell’amministrazione penitenziaria vanno avvicendati e ai posti di comando va messo personale in grado di gestire le emergenze e il personale di polizia, altrimenti le carceri diventeranno luoghi in cui la criminalità organizzata e i soggetti più violenti la fanno da padroni”.

Secondo quanto ricostruito, Reazione si trovava ai passeggi al momento della fuga. Il detenuto avrebbe improvvisamente scavalcato il muro, facilitato dal complice esterno. A causa della carenza di personale, né i passeggi né il muro di cinta erano presidiati stabilmente. Le ricerche sono iniziate immediatamente, ma finora senza esito. Di Giacomo ha affermato: “Una nuova evasione annunciata. Dal carcere di Livorno è evasa una persona della sezione di alta sicurezza e qui ce ne sono un centinaio su circa 300 detenuti. C’è un contesto di sovraffollamento importante e contestualmente di carenza organici, dunque è particolarmente pericoloso”.

Gennarino De Fazio, segretario generale della Uilpa Polizia penitenziaria, ha aggiunto: “Non sappiamo più come dirlo. Cos’altro deve accadere affinché il Governo prenda coscienza dell’emergenza penitenziaria in atto? Mancano 18mila unità alla Polizia penitenziaria e ci sono 14mila detenuti in più rispetto ai posti disponibili. Abbiamo suicidi, omicidi, risse, aggressioni, stupri, devastazioni, evasioni e molto altro nelle strutture penitenziarie. Le carceri, oggi, non possono mirare a perseguire gli obiettivi assegnati dalla costituzione e dalle leggi”.

Cosa ne pensate? A voi i commenti!