• Dom. Feb 25th, 2024

L’inps ha deciso di erogare un bonus con ben 22 mesi di contributi. Un regalo per tutti coloro che hanno avuto delle difficoltà con il lavoro e dunque economiche. Ecco i passi da fare per ottenerlo!

 

Per agevolare l’accesso alla pensione di questi lavoratori, vengono riconosciuti contributi INPS in regalo. L’Istituto offre ben 22 mesi gratis per i periodi durante cui il lavoratore è stato inattivo. Pochi sanno di questa concessione da parte dell’Inps e come procedere.

A chi spettano questi 22 mesi di contributi e come fare domanda?

Contributi INPS in regalo: un bonus di 22 mesi

In situazioni particolari, i contributi Inps in regalo permettono a certi lavoratori di recuperare i periodi di sospensione dei versamenti contributivi.

I contributi non accumulati ai fini pensionistici sono anche noti come contributi da riscatto a carico del richiedente. Praticamente, il lavoratore deve pagare un onere. Dopo aver presentato domanda all’Inps, dovrà versare quanto richiesto per ottenere il corrispettivo dei mesi di contribuzione non maturati. Sono tanti i lavoratori, ultimamente, che si chiedono quanto convenga approfittare di misure come l’opzione Quota 103 per la pensione anticipata. Devono calcolare età anagrafica e contributi versati per valutare se possono rientrare in questa opzione.

Quanti di voi sanno che si possono recuperare 22 mesi di contributi Inps gratis?

Contributi figurativi Inps: cosa sono, a chi spettano

I contributi non maturati in certi periodi lavorativi, che vengono riconosciuti dall’Inps ai lavoratori del settore pubblico e privato, sono denominati ‘contributi figurativi’. Si tratta di periodi in cui il lavoratore è costretto ad assentarsi per tempi più o meno lunghi.

Si tiene conto di questi tempi di sospensione sia per i calcoli pensionistici sia per accedere all’opzione. Certi periodi vengono accreditati automaticamente nelle gestioni pensionistiche, mentre per altri il lavoratore deve fare domanda all’Inps. Tra i periodi da richiedere espressamente all’Istituto, troviamo assenze e sospensioni dal lavoro per infortunio o malattia. Questi contributi possono arrivare fino a 22 mesi e pochi sanno che l’Inps li riconosce.

Per ottenere l’accredito, il lavoratore deve vantare almeno un contributo versato prima del periodo di infortunio o malattia. L’accredito spetta ai lavoratori che hanno dovuto temporaneamente sospendere l’attività dovuta ad inabilità per un periodo da 7 giorni in su. Devono presentare il certificato di malattia che rilascia l’INAIL

Come ottenere l’accredito dei contributi INPS in regalo

Per richiedere ed ottenere l’accredito, il lavoratore dovrà presentare la domanda all’INPS per via telematica collegandosi al sito web ufficiale dell’Istituto o, in alternativa, presso gli uffici. Occorre allegare il certificato di malattia dell’INAIL.

Nel caso in cui il periodo sia antecedente al 1° gennaio 1980, bisognerà allegare un certificato di malattia rilasciato dall’INAM.

Oltre al certificato di malattia, è necessario allegare una cartella clinica o documento dell’ospedale che attesta il periodo di ricovero. In mancanza di documentazione, la durata del periodo di malattia corrisponde ai termini dichiarati dall’inizio alla fine della malattia stessa.

Che ne pensate? A voi i commenti!