• Dom. Set 25th, 2022

Le leggi cambiano di giorno in giorno e chi non resta informato, rischia di prendere multe salate. Questo è anche il caso di chi fino a ieri lavava la propria auto!

 

Nuovo provvedimento per chi non segue le regole: ecco che cosa rischiano gli automobilisti

Ogni giorno vengono emanate delle regole che possono facilitare il quieto vivere fra i cittadini e, al tempo stesso, incentivare il rispetto verso la realtà che ci circonda.

Proprio per questo, in alcune zone d’Italia sono state prese delle disposizioni per quanto riguarda il lavaggio della propria vettura. Al momento queste nuove regole riguardano l’utilizzo dell’acqua che, come tutti sappiamo, sta scarseggiando a causa della dura siccità che abbiamo vissuto durante il periodo estivo.

L’acqua è una risorsa di cui tutti abbiamo bisogno per i motivi più diversi. Senza acqua non c’è vita e sarebbe dunque molto difficile gestirne la mancanza soprattutto sul lungo periodo.

Lo Stato ha fatto di tutto per ottemperare la carenza di questo prezioso elemento, ed è per questo che sono state prese delle decisioni anche in merito al lavaggio del proprio veicolo.

Le persone che decidono di lavare la propria auto dovranno infatti ridurre l’utilizzo d’acqua onde evitare lo sperpero di tale risorsa che, da qualche mese a questa parte, è in netto calo rispetto al passato. Nell’ultimo periodo le piogge si sono ridotte dell’80% e così facendo il terreno risulta molto arido.

La siccità ha duramente colpito anche le coltivazioni che hanno visto una decimazione a carico del raccolto e il brusco aumento dei prezzi legati alla vendita di frutta e verdura.

Quali sono le Regioni che stanno pagando duramente il prezzo della siccità?

Le limitazioni relative all’utilizzo dell’acqua per ragioni di non primaria importanza verranno stanziate soprattutto nelle Regioni settentrionali, ovvero quei territori che hanno patito maggiormente il peso della siccità.

Tra queste citiamo il Veneto, il Piemonte, la Lombardia e l’Emilia-Romagna che dovranno rispettare alcune regole al fine di non cadere sotto il peso delle sanzioni.

Secondo quanto previsto dallo Stato, in queste Regioni non si potrà lavare la propria auto dalle 8 alle 21. Allo stesso modo, in questa fascia oraria non si potranno annaffiare i giardini, gli orti o lavare i cortili. Ovviamente sarà possibile lavare la propria auto presso tutte quelle realtà lavorative che concedono tale possibilità, come ad esempio il settore dell’autolavaggio.

Questo perché saranno prese delle misure che vanno a combattere lo spreco d’acqua e mettono a disposizione del cliente delle misure contenitive onde evitare lo sperpero di queste risorse.

È stato inoltre dichiarato che è impossibile riempire le piscine utilizzando il getto continuo dell’acqua. Tutte queste disposizioni dovranno essere rispettate almeno fino al 21 settembre, poiché si rischiano sanzioni che possono arrivare fino ai 500 €.

Sicuramente altre misure verranno promulgate dallo Stato nei prossimi giorni, in quanto il fenomeno della siccità non è stato pienamente risolto e bisogna avere cura dei pochi mezzi dai quali possiamo ancora attingere.

Eravate a conoscenza delle limitazioni sull’uso dell’acqua che alcune Regioni d’Italia dovranno rispettare per non incorrere in pesanti sanzioni? A voi i commenti!