• Sab. Set 24th, 2022

Arriva Il Bonus Benzina: Ecco Come Richiederlo!

Finalmente è arrivata l’agevolazione che tutti noi aspettavamo. Il bonus benzina è stato approvato. Ma andiamo con ordine e scopriamo quel che c’è da sapere su questo nuovo sostegno!

 

In seguito alla crisi economica che ci ha colpiti duramente, complice il conflitto russo-ucraino, il governo è stato chiamato a prendere provvedimenti su alcune questioni molto spigolose. Nello specifico l’aumento dei prezzi dei carburanti.

Una bella notizia a tal proposito è arrivata!

E’ infatti entrato in vigore da poche ore, la riduzione dell’accisa sui carburanti e quindi una diminuzione del loro prezzo di vendita. Un bel passo in avanti, che vede un taglio complessivo di 30.5 centesimi al litro per l’acquisto di benzina e gasolio. Per quanto riguarda il gpl invece, le accise diminuiscono di 8.5 centesimi a cui sommando l’iva, si arriva a 10.37 centesimi.

La riduzione avrà una durata di 30 giorni, ma è previsto che fino al 31 Dicembre le aliquote di questi tributi, potranno essere rivisti senza dover riscrivere un decreto. Basterà semplicemente una circolare ministeriale che ne convalidi le nuove misure.

Ma questa non è l’unica misura approvata dal governo per contrastare il caro carburante, qualcos’altro che può aiutare le famiglie italiane è stato autorizzato; il bonus benzina.

Analizziamo insieme in che cosa consiste questa nuova agevolazione.

Cos’è il bonus benzina?

Il governo Draghi ha deciso di dare un’ ulteriore mazzata a questo caro carburante, venendo incontro alle tasche di tutti gli italiani. Il bonus appena approvato, non è altro che un bonus ceduto gratuitamente dalle aziende private ai lavoratori dipendenti, per l’acquisto di carburante il cui importo è pari a 200€ per ogni lavoratore.

A chi spetta il bonus e come si richiede?

Questo bonus come abbiamo letto pocanzi, lo possono ricevere tutti i lavoratori dipendenti, senza che presentino nessuna domanda specifica. I buoni dovrebbero costituire una sorta di benefit aziendale, e in quanto tale sarà cura dell’azienda destinarli a tale scopo oppure no. I lavoratori potranno esprimere il loro assenso ma non è detto che l’azienda risponda affermativamente. I dettagli saranno messi al vaglio degli accordi tra sindacati e imprese.

C’è un limite Isee per poterlo ottenere?

In molti si chiederanno se per poter usufruire di questo buono serva presentare l’Isee, ma la risposta è no. Tutti potranno richiederlo indipendentemente dalla propria fascia di reddito. L’unico limite è che questa misura è destinata solamente ai lavoratori dipendenti. Ricordiamo comunque che le aziende potevano concedere un contributo pari a 258.23€ annuo per i cosiddetti “fringe benefit” ovvero i buoni acquisto, buoni carburanti e buoni spesa. Durante la pandemia di Covid19 l’importo era stato raddoppiato a 516.46€.

Il bonus contribuisce alla formazione del reddito?

A questa domanda la risposta è negativa. Per l’anno 2022 l’importo dei bonus carburanti, emessi dalle aziende private a favore dei propri dipendenti, non concorre all’aumento della fascia di reddito. In sostanza è esente da tasse.

Quanti soldi ha stanziato il Governo per emettere questa agevolazione?

Il carico previsto per far fronte a questo aiuto è di circa 9.9 milioni di euro per l’anno 2022, e di 0.9 milioni di euro per l’anno 2023.

Che ne pensate di questo bonus? Secondo voi è valido o presenta qualche lacuna?

A voi i commenti!