• Gio. Ott 6th, 2022

Ancora oggi, Alberto Stasi si dichiara innocente per il caso di Chiara Poggi. Le prove però sarebbero da ricercare nel computer di lui. Ecco che cosa hanno trovato gli inquirenti!

 

Omicidio Chiara Poggi: Alberto Stasi accusato numero uno

Era il 13 agosto 2007 quando, alle 14, arriva una chiamata al 118 da parte di Alberto Stasi. L’uomo ha dichiarato di aver trovato una persona a terra forse ancora viva anche se, apparentemente, sembrava essere morta.
Alberto ha dichiarato di essersi recato a casa della fidanzata e di averla trovata così, ma le sue parole sono apparse ambigue fin dal primo minuto.
La povera Chiara è stata trovata al suolo piena di traumi e di lividi che, fin da subito, hanno fatto presumere l’avvenuto omicidio.

Dal primo momento, le parole di Alberto cozzavano con quanto rinvenuto sulla scena del crimine, ed è per questo che le autorità locali hanno cominciato a pensare alla sua colpevolezza.

Nonostante questo, nessuna traccia di sangue è stata rinvenuta sulle scarpe dell’uomo: questo è piuttosto strano visto che l’intera scena del crimine presentava materiale biologico della ragazza. Questo è solo uno dei tanti punti che hanno portato Alberto Stasi ad essere il maggior sospettato.

Che cosa dice oggi Alberto Stasi?

Nonostante siano passati molto anni da questo terribile delitto, Alberto Stasi continua a professarsi innocente e tenta di convincere gli altri della sua non colpevolezza.

Ha poi dichiarato che nonostante si trovi in carcere questa condizione non gli pesa, poiché lui sa di essere in pace con la sua coscienza e non ha nulla di che rimproverarsi.

Ovviamente non può condurre una vita normale ma, al tempo stesso, sta subendo delle conseguenze che sono completamente lontane dalle sue azioni.

Purtroppo nel corso degli anni sono state evidenziate moltissime prove secondo le quali Alberto Stasi sarebbe il vero responsabile dell’omicidio di Chiara. Per non parlare poi del materiale pedopornografico che è stato individuato sul computer dello stesso.

Gli inquirenti sono arrivati a supporre che la ragazza avesse scoperto l’esistenza di questo materiale e in qualche modo avesse minacciato il ragazzo di rivelare al mondo i suoi contenuti. Forse è proprio per questo motivo che Alberto Stasi ha deciso di uccidere Chiara Poggi, in quanto intimorito dalle possibili ritorsioni nel caso in cui questa avesse parlato.

Ad ogni modo, nonostante le buone intenzioni con cui ogni volta tenta di giustificarsi, Alberto Stasi è stato dichiarato colpevole e dovrà scontare molti anni in carcere.

Secondo voi Alberto Stasi è colpevole oppure negli anni riuscirà a dimostrare la sua innocenza, riscattandosi agli occhi di una società che, fin dal primo momento, non si è fatta problemi nel condannarlo? A voi i commenti!