• Mar. Set 27th, 2022

Possedere un animale domestico è una vera gioia. Lo Stato ha deciso di andare in aiuto a tutte quelle famiglie che hanno un animale. Ecco che cosa c’è da sapere sul Bonus animali da 200 €.

 

Bonus animali da 200 €: ecco come richiedere la sovvenzione economica

Al giorno d’oggi, sono moltissime le famiglie che decidono di completare il loro quadretto familiare con un animale domestico.

Purtroppo però, mantenere un animale non è sempre così facile, in quanto il cibo, i giochi, le medicine e le spese veterinarie arrivano spesso a toccare costi molto corposi. Tutto questo è notevolmente peggiorato con l’avvento della crisi, che ha comportato un aumento dell’inflazione e del costo della vita.

Onde evitare l’aumento del fenomeno legato all’abbandono degli animali, soprattutto durante il periodo estivo, lo Stato ha deciso di proporre una sovvenzione denominata Bonus animali. Questa permette di ricevere uno sconto di circa 150 o 200 € nel caso in cui si abbiano dei requisiti ben precisi.

Che cosa sappiamo sul nuovo Bonus animali 2022?

Il nuovo Bonus animali pensato per l’anno 2022 è già disponibile dal mese di luglio e viene concesso a chi è il proprietario di un animale domestico.

Si tratta quindi di un aiuto economico che lo Stato decide di concedere a tutte le persone che si riveleranno essere in possesso dei requisiti necessari.

La prima città ad aver concesso il bonus da 200 € per la cura degli animali domestici è stata per l’appunto Modena, la quale tiene particolarmente all’integrazione degli animali nella sua società.

Si tratta quindi di un grande aiuto per tutti i possessori di un animale che, a causa dei rincari e dell’aumento del costo della vita, faticano ad arrivare alla fine del mese.

Quali sono i requisiti necessari per beneficiare del Bonus animali?

Come nel caso di ogni riforma economica, anche per quanto riguarda la concessione del Bonus animali bisogna essere in possesso di determinati requisiti.

In primo luogo l’animale in questione deve essere registrato regolarmente all’Anagrafe regionale degli animali d’affezione. Bisogna poi essere certi di non superare l’ISEE previsto dal bonus, ma questo merita un approfondimento speciale, in quanto le cifre variano di Comune in Comune.

Dopo aver verificato la presenza dei requisiti basterà presentare la domanda al Comune di riferimento oppure recarsi sul sito Internet della Regione.  Alla domanda bisognerà inoltre apporre un certificato che vada a dichiarare tutte le spese sostenute per le visite veterinarie che l’animale ha sostenuto nel corso dell’anno.

Così facendo, sarà possibile effettuare dei controlli e stabilire il calcolo dell’importo da devolvere al diretto interessato.

Siete pronti a richiedere il Bonus animali 2022 per godere di importanti sconti e far sì che il vostro animale goda dei migliori trattamenti previsti in Italia? A voi i commenti!